Nate con la camicia!!!

Autore Dressing DominaeLa camicia nell'antichità si indossava lunga fino alle cosce, con maniche e senza colletto.
Sotto la tunica nell'anno mille, è caratterizzata dalla linea a T, senza giromanica ne tagli sagomati. Nel Medioevo diventa capo indispensabile, e diffusa in tutto il mondo, anche se non vi è distinzione fra giorno e notte.
Nel Cinquecento la camicia è indispensabile nel guardaroba, soprattutto in quello ricco e aristocratico, ma non è uso e costume cambiarla spesso. Celebre è quella di Isabella Di Castiglia, che per questo assume un colore indefinito, passato alla storia come colore Isabella.
Mille modi di dire camicia: blusa deriva da versione accorciata del Bliaud, abito simile al caftano, Butto_down identifica la camicia nata negli anni enti con il colletto fissato da due bottoni; Chainse è la tunica femminile francese, generalmente bianca, di lino, corrispettivo della camicia italiana.
Lo stile prediletto per la nuova stagione ha l'aria rigorosa e composta. Molto belle quelle proposte nel classico bastoncino, in fresco cotone, apprettate ed impeccabili rese uniche e particolari da grandi fiocchi che si annodano sulle spalle o sui polsi.
E poi ancora rouche che delimitano le liste abbottonate, o si posona sulle spalle lasciando una parte scoperta, e ancora su carrè e maniche, giocate in modo spritoso o raffinato a seconda del modello, insomma ce né per tutti i gusti...